Seconda edizione della tipizzazione:
“Lo sai? sei unico!” – 10 volte grazie!

20 Giugno 2017

Sabato 17 giugno ospiti della festa per i 30 anni della P.A. Croce Verde Trezzano s/N abbiamo fatto, insieme agli amici di Admo, la seconda tipizzazione sul territorio. Dieci i ragazzi tipizzati, tra cui ancora altri mitici volontari della Croce Verde o loro parenti/amici, le ragazze della 2nove9 bikers care (la nostra nuova collaborazione di cui abbiam parlato nell’articolo del 9 maggio scorso), una ragazza che era passata al nostro gazebo del 21 maggio a lasciare la promessa di tipizzazione e non per ultimi, ragazzi che erano lì per la festa.
Inutile dirlo: siamo orgogliosamente felici di questo risultato! L’invito alla festa (a cui avremmo partecipato comunque) di cui ancora ringraziamo, è stato una bella occasione da prendere al volo per fare la seconda edizione in anticipo (l’idea era di riproporla come l’anno scorso in concomitanza delle giornate nazionali Aido). Ma come dire di no a quest’opportunità in più di raccolta di nuovi donatori? Come dire di no agli amici della Verde?
Dieci tipizzati in più significa che il nostro lavoro funziona, che le nostre fatiche sul campo danno risultati concreti, che il nostro tempo è ripagato con questo oro meraviglioso che sono i donatori.
L’incognita più importante per la riuscita di una raccolta di donatori, è data dal posto in cui si fa.

Come tutti sanno purtroppo la nostra seppur bellissima Trezzano, durante le manifestazioni fatte, in generale, non dà sempre risposte positive in fatto di presenza di persone, nonostante le grandi potenzialità. E noi si sa, abbiamo proprio bisogno di tanta gente.
Purtroppo in questo caso per esempio, anche le disdette, o peggio, i mancati avvertimenti di non presenza, hanno sicuramente pesato sugli organizzatori. Fortunatamente comunque alla sera c’è stata la grande “ressa” che ha ripagato la discreta affluenza pomeridiana.
Le persone purtroppo sono solite solo lamentarsi ma quando si chiede di partecipare o di aiutare nell’organizzazione, magicamente spariscono. Si sa, è difficile poter accontentare tutti, ma la tristezza profonda sta nel fatto che si pensa solo a sè stessi o a certe missioni esclusivamente nel momento del bisogno personale o famigliare e di solito con grande accanimento e pretese.
Noi lavoriamo proprio per questo con passione e grande volontà, per far comprendere alla comunità l’importanza della salute in modo preventivo, verso tutti, come fanno anche i colleghi della Verde.
Come la prima edizione del 2 ottobre 2016 (quando avevamo fatto 26 tipizzazioni) anche questa volta non ci aspettavamo
grandi risultati perchè, a differenza di aido in cui bastano 3 firme e poi “ci si dimentica”, per la donazione di midollo osseo l’iter è un pochino più invasivo se si pensa che comunque un piccolo prelievo ematico (quando non c’è la tipizzazione con la semplice saliva) lo bisogna sostenere. Non tutti hanno ancora purtroppo le info adeguate ma per questo i volontari Admo presenti hanno sfatato tutte le paure e spiegato nei minimi dettagli come funziona il “dopo”, quando cioè si potrebbe ricevere la famosa “chiamata” per salvare una vita.
Ma come la volta precedente il risultato ci ha spiazzato e l’enorme soddisfazione ci ha ripagato di tutti i nostri sforzi.
Dieci tipizzati in più nel registro donatori di midollo osseo, significa che 10 persone hanno una possibilità in più di poter guarire se mai dovesse servire.
Aido, Admo, Croce Verde, sono unite da anni perchè oltre l’amicizia che ci lega, siamo tre associazioni salva vita ed era quasi scontato collaborare e aiutarsi.
E non solo.
Anche la 2nove9 bikers care, che si è aggiunta al trio, salva la vita portando in giro per tutta Italia l’informazione sulla sicurezza stradale e dando aiuto gratuito a vittime e parenti (rileggete l’articolo per maggiori info) e che sabato ospitava inoltre sotto al loro gazebo il comitato per la messa in sicurezza dello svincolo della tangenziale uscita Trezzano (sulla vecchia Vigevanese) anche quest’ultimi con la stessa opera verso il prossimo, presenti per raccogliere firme per evitare altri incidenti stradali. E so che ne hanno raccolte parecchie centinaia.
Come Aido abbiamo raccolto 11 nuovi consensi alla donazione organi.
Come Monelli Ribelli abbiamo dato info ad alcuni genitori di bimbi autistici che si sono fermati appositamente al gazebo. Il nostro Nicola (Presidente dell’associazione Monelli) ha presentato anche il nuovo progetto “ascolta i miei passi” per conoscere e avvicinarsi all’autismo “indossando” le scarpe di bambini/persone autistiche e ascoltando la loro storia tramite un piccolo simil iPod.
A Trezzano l’ 8 luglio prossimo dalle ore 10 alle ore 12, al Parco del Centenario, potrete provare questa grande emozione di conoscere le loro storie passeggiando nel parco (ve lo consiglio vivamente).
Siamo orgogliosi dei nostri tanti e diversi risultati e ci tengo a dire un “grazie speciale” a tutti i grandissimi volontari!

§
Laura Malchiondi – Responsabile della comunicazione
A.I.D.O. Intercomunale Corsico e Trezzano sul Naviglio

Non perderti le news!