Nasce la ‘no profit’ vittime della strada.

20 Marzo 2017

ARONA - Un amico comune morto tragicamente in un incidente stradale li ha fatti incontrare. Il grande dolore per la scomparsa, avvenuta nel Novarese un anno fa, diventa la spinta per creare qualcosa di utile per gli altri.
A gennaio è nata, ufficialmente “2NOVE9 Bikers Care”. Le parole “bikers care” «indicano il fulcro dell’associazione, ovvero il motociclista come figura di cui prendersi cura», guardando al mondo della strada nelle sue varie sfaccettature e insidie.
Una no profit che offre gratuitamente supporto per le vittime e i famigliari coinvolti in incidenti stradali con un sostegno a 360 gradi, da quello psicologico a quello legale, da quello medico alla sensibilizzazione e prevenzione.

I fondatori sono giovani:

il presidente Roberto Cancedda, la vice-presidente Simona Neotti e Marta Manni segreteria-tesoreria. Costituiscono il cuore pulsante dell’associazione il cui nome è costituito dalla velocità massima raggiunta dalla Kawasaki Zx10 con limitatore inserito (ovvero 299km/h) e la parte interna di un disco-freno: «Saper andare in moto non vuol dire andare sempre forte, ma anche rallentare in egual misura per un suo uso responsabile.
Passione e divertimento, ma con la testa». spiegano i promotori. Attraverso l’entusiasmo, le esperienze nel settore dell’infortunistica stradale e la disponibilità hanno unito tutte le loro caratteristiche in una sola realtà con il supporto di professionisti che hanno deciso di abbracciare l’associazione. Diverse le sedi operative, soprattutto su Milano e Lombardia, ma anche nel territorio del Novarese, per ora ad Arona e Meina. Un’associazione in continua evoluzione.
Il debutto ufficiale il 9 marzo al Caffè Milano in via Procaccini del capoluogo lombardo, con l’evento di presentazione per sensibilizzare i partecipanti e dare informazioni, rispondendo a domande e curiosità.
Dello scorso weekend, 17-18-19 marzo, la partecipazione al Centro congressi di Malpensa Fiere allo stand insieme ad
Arte & Biker e Cisko Airbrush Studio, vincitore del premio “Best Paint” a Verona Fiere 2017.
Mentre in Provincia sono in programma eventi in collaborazione con diversi comuni e scuole.
Tra gli eventi più importanti poi c’è quello organizzato con la Polizia stradale: «Grazie al “Pullman Azzurro”, aiuteremo gli agenti promuovendo la sicurezza stradale nelle città, nelle scuole, tra gli appassionati di motori e non solo». Il ricordo di un’amicizia per una persona cara è dunque diventato lo stimolo ad aiutare concretamente gli altri.

§
Maria Nausica Bucci
CORRIERE DI NOVARA.COM

Non perderti le news!